• Museo della Vita Contadina
    in Romagna
    Orari del Museo per l'anno 2014:Apertura in qualsiasi giorno su richiesta chiamando il numero: 349-7881929
  • Settore dei Favolari Fiabe di Romagna
  • Una panoramica della nuova esposizione
  • Storia dell’Associazione La Grama
  • Il centro della casa contadina
  • Una vita al telaioD'inverno al tepore delle stalle si filava. Ogni donna aveva la propria rocca e il proprio fuso. Le filatrici si classificavano in quattro categorie: le principianti filavano il comento, le iniziate filavano la stoparina, le esperte filavano il legoro e le provette, le nonne, filavano il fiore.
Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Il museo

A 10 Km. da Ravenna, a 5 Km. da Russi e a 20 Km. da Forlì, immerso nella ridente campagna romagnola e nell'atmosfera magica del fiume Montone si trova San Pancrazio, piccolo villaggio agricolo e artigianale ancora distante dal ritmo forsennato della vita moderna.
La lontananza geografica dalle grandi vie di comunicazione stradali e ferroviarie è stata per un verso causa di un disagio vero per la gente, per un altro è stata la ragione per cui nel nostro paese più lentamente sono scomparsi aspetti e valori del mondo contadino; ciò ha permesso ad un gruppo di ricercatori locali di raccogliere dalla memoria degli anziani del paese un patrimonio inestimabile, composto da più di 130 fiabe romagnole che si raccontavano nei "trebbi" delle nostre case. Un ulteriore lavoro di ricerca, ancora in corso, basato anch'esso sulla raccolta di testimonianze orali, ha per scopo il recupero di preziose informazioni relative agli aspetti della vita economica e sociale delle famiglie contadine e rurali della nostra zona negli anni fra le due guerre mondiali.
La costituzione della Raccolta Etnografica Romagnola, ora Museo della vita contadina in Romagna, non è opera di pochi collezionisti, ma è stata fortemente voluta da un paese pervaso da un fervido clima di ricerca, di partecipazione e di amore per le nostre tradizioni.

Canapa e Tessitura sono gli allestimenti permanenti realizzati in alcune sale del Museo. In altri locali sono esposti gli oggetti relativi al "grano e pane", al "baco da seta", al "latte e formaggio", al "maiale" e al "vino".
Su questi temi essenziali della civiltà materiale sono stati realizzati numerosi servizi fotografici e video documentari, materiali che vengono presentati nelle manifestazioni culturali dell'Associazione culturale La Grama e proposti alle Scuole della Provincia come momento didattico sull'etnografia del territorio.

Sarebbe bello se il Museo della Vita Contadina in Romagna si potesse trasformare in una agenzia turistica che offre viaggi reali nel passato. Potremmo attraversare campagne e villaggi osservando uomini e donne al lavoro dei campi e artigiani nelle loro botteghe, entrare nelle case e nelle stalle e annusare profumi e odori dimenticati, ascoltare i vecchi raccontare storie e favole tramandate oralmente da tempo immemore, riscoprire la fatica che si faceva per sbarcare il lunario, i paesaggi di un tempo! Chissà! Forse un giorno ci sarà un autobus diretto al Paese della Memoria.