• Museo della Vita Contadina
    in Romagna
    Orari del Museo per l'anno 2014:Apertura in qualsiasi giorno su richiesta chiamando il numero: 349-7881929
  • Settore dei Favolari Fiabe di Romagna
  • Una panoramica della nuova esposizione
  • Storia dell’Associazione La Grama
  • Il centro della casa contadina
  • Una vita al telaioD'inverno al tepore delle stalle si filava. Ogni donna aveva la propria rocca e il proprio fuso. Le filatrici si classificavano in quattro categorie: le principianti filavano il comento, le iniziate filavano la stoparina, le esperte filavano il legoro e le provette, le nonne, filavano il fiore.
Notice
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Una vita fra i bigatti

Introduzione

introNel territorio di San Pancrazio l'allevamento del baco da seta (e' bigat) era praticato da tempo immemorabile. Era, come per la canapa, un'attività frammentata in piccole unità a dimensione familiare. Si dice che all'inizio del XX° secolo l'ottanta per cento delle famiglie presenti sul nostro territorio, contadini, braccianti, artigiani, allevassero il baco da seta.

Questa attività scompare a metà degli anni Trenta con l'avvento delle prime fibre artificiali e col conseguente crollo del prezzo della seta sul mercato. Una ripresa c'è ma sporadica e di breve durata, durante gli anni del secondo conflitto mondiale.

Se nella famiglia contadina il vitto è assicurato dal grano e dal maiale, se i tessuti in gran parte sono forniti dalla lavorazione della canapa, con la vendita dei bozzoli (bozal) al mercato della seta, in giugno, entrano in casa i primi soldi di quell'anno, in contanti.

Il fattore porta il seme bachi

semiL'allevamento inizia verso la fine del mese di aprile. Seguendo il provverbio secondo il quale per S. Marco, il 25 aprile, "il baco o è posto o è nato" (par Sa Merch e' bigat o l'è post o l'è ned), la famiglia contadina riceve dal fattore un'oncia (onza) o un'oncia e mezzo di seme bachi con mille raccomandazioni.

Per soddisfare alcune esigenze particolari accade spesso che la famiglia contadina decida di allevare per proprio conto un quarto o una mezza oncia (onza) di bigatti insieme a quelli forniti dal padrone. Questa quantità di seme bachi viene acquistata privatamente dai rivenditori specializzati della zona.

Preparazione dei bazzi

bazziDalla fine di aprile fino a metà giugno la famiglia contadina è sottoposta ad un lavoro intenso e a disagi notevoli perché l'allevamento dei bachi richiede attenzioni e cure assidue.

Normalmente i bachi vengono sistemati su intelaiature voluminose, i bazzi (i bez) al piano superiore della casa, nelle camere da letto e nei magazzini, per evitare l'umidità. Spesso le persone vanno a dormire nella stalla (int la stala), nel capanno (int e' capan) o in altre parti della casa.

Incubazione naturale sul seno dell'azdora

incubazionePer far schiudere le uova, queste devono essere poste in incubazione per circa una settimana ad una temperatura possibilmente costante di 25 gradi. A ciò provvede di solito la donna anziana della casa perché è senza dubbio la più esperta e la meno impegnata nei lavori dei campi.

Estrae dalla loro custodia le cartine su cui sono fissate le numerosissime, piccolissime uova nere, le avvolge in una pezzuola (la gulpadina) e perché stiano calde pone la gulpadina sul proprio seno, fra la sottoveste e il busto, mentre di notte la mette nel letto sotto il cuscino dei piedi.

Schiusa della uova

schiusa uovaDopo cinque o sei giorni di incubazione le uova cominciano a schiudersi. Sopra i bacolini neonati viene posta una reticella a maglia fitta o un foglio di cartapaglia forata con fori da un millimetro di diametro. Sopra la carta viene sparsa della foglia di gelso (foja d'mor) tritata finemente.

Le piccole larve attratte dall'odore della foglia cominciano a salire attraverso i fori della carta gettandosi a mangiare voracemente la foglia tritata. Quando tutti i bacolini sono saliti sulla carta, queste viene trasferita su un setaccio (sdaz) da farina e di nuovo viene distribuita sopra i bachi altra foglia fresca tritata.

Raccolta della foglia di gelso

raccoltaReperire la foglia di gelso non è un problema perché in campagna dei gelsi ce ne sono a volontà. Si trovano lungo i filari delle viti, lungo i sentieri dei campi, lungo le rive dei fossi, attorno alle case. Raccogliere la foglia di gelso è normalmente compito degli uomini, ma quando i bigatti mangiano della grossa (i magna dla grosa) anche le donne svolgono questo lavoro.

 

Il ciclo del baco da seta

cicloIl bacolino appena nato è lungo circa un millimetro, è di colore nero e molto peloso. Durante il suo sviluppo, che dura poco più di trenta giorni, le sue dimensioni aumentano di circa ottomila volte. Per compiere questa trasformazione la larva cambia periodicamente il proprio rivestimento esterno. Questa operazione prende il nome di muta, o sonno, o dormita. Durante la muta il baco non mangia e rimane con la testa diritta per più di un giorno e non deve essere in alcun modo disturbato perché sta attraversando una fase importante e delicata dello sviluppo. Alla fine della muta il baco ha cambiato pelle e riprende a mangiare fino alla muta successiva. Le mute sono quattro e suddividono la vita del baco in cinque età, dette in gergo mangiate:
1° età dalla nascita al 7° giorno;
2° età dall'8° al 12° giorno;
3° età dal 13° al 17° giorno;
4° età dal 18° al 23° giorno;
5° età dal 24° al 29° giorno;
Segue poi la filatura e l'imbozzolamento.

Quando i bachi sono in quarta muta si dice che stanno dormendo della grossa (i dorma dla grosa); quando sono nella quinta età si dice che stanno mangiando della grossa (i magna dla grosa). Infatti in 6-7 giorni il baco divora il 70 percento della foglia di gelso che gli serve per il proprio sviluppo.
I bachi crescono rapidamente e quando i setacci diventano piccoli per poterli contenere tutti venivano trasferiti sui graticci (i garzul) del bazzo. Le azdore si preoccupano di tenere sempre pulita la lettiera e cambiano i graticci sempre più frequentemente; stanno tutto il giorno attorno ai bigatti e gli uomini sono impegnati a raccogliere la foglia dalla mattina alla sera. Nell'ultima età arrivano a sostituire il graticcio un giorno sì e uno no e il lavoro diventa frenetico. Per allevare un'oncia e mezzo di bigatti (45 grammi di seme bachi pari a 60.000/90.000 uova bachi) si devono allestire più di 10 bazzi per un complessivo di circa 50 graticci e per alimentare i bachi occorre raccogliere circa 15 quintali di foglia di gelso.

Filatura e imbozzolamento

filaturaAl termine del ciclo, il baco smette di mangiare e comincia a mandare segnali di filatura della seta emettendo un esilissimo filo di bava da un foro che sta sotto la sua bocca.

A questo punto si predispone il bosco (e' bosch) affinché il baco possa salire a cercare il luogo a lui più gradito per tessere il bozzolo. Il bosco viene preparato normalmente con fascetti di ramoscelli di acero campestre (opi), o di sarmenti di viti (sarmant).

Quando il baco ha trovato il posto più idoneo comincia col tessere una trama di fili robusti di sostegno, al centro della quale va a porsi per iniziare a costruire il bozzolo. Con un continuo movimento avanti e indietro della testa il baco tesse attorno a se' una trama di fili di seta sempre più fitta fino a chiudersi completamente dentro. Impiega circa due giorni per finire il bozzolo.

Metamorfosi

metamorfosiAll'interno del bozzolo il baco inizia la metamorfosi da larva in crisalide impiegando 24/36 ore, poi in insetto adulto, farfalla, entro 15/18 giorni. A questo punto la farfalla, bianca, fuoriesce divaricando la trama serica in corrispondenza di uno dei due poli del bozzolo.

Accoppiamento e fecondazione

accoppiamentoMentre la femmina di dimensioni maggiori rispetto a quelle del maschio rimane immobile, il maschio, più piccolo, agita le ali e si sposta vivacemente alla ricerca di una femmina con cui accoppiarsi. Dopo poche ore dall'accoppiamento la femmina fecondata depone 400-500 uova e muore.

 

Giorno di mercato

mercatoGli allevatori non aspettano lo sfarfallamento, cioè che il baco completi la metamorfosi ed esca dal bozzolo perché i bozzoli forati perdono il loro valore commerciale. Perciò dopo otto, dieci giorni dall'imbozzolamento, quando i bozzoli raggiungono una buona compattezza e durezza, vengono staccati dal bosco, sistemati in cestoni foderati di tessuto candido di bucato perché facciano bella figura al mercato. Gli uomini caricano i cestoni sulla spalona e portano i bozzoli al pavaglione.

Il pavaglione di Russi

pavaglioneIl mercato della seta di Russi è uno dei più fiorenti, è aperto tutti i giorni al pomeriggio per un periodo di 20-25 giorni. Al mercato si recano sia il fattore sia le donne che hanno curato l'allevamento. I bozzoli vengono esposti in bella mostra sotto il loggiato della piazza.

I commercianti e gli agenti delle filande esaminano con cura il prodotto e se è di loro gradimento iniziano le loro trattative di acquisto con il fattore il quale, prima della decisione finale, con un cenno del capo pare che chieda al contadino il consenso alla vendita. Stabilito il prezzo della seta, il compratore consegna al fattore un cartellino con il prezzo convenuto. A questo punto i cesti con i bozzoli vengono portati alla pesatura dove un funzionario del Comune procede al controllo del peso dichiarando a voce alta il peso riscontrato, esigendo dal venditore la tassa comunale di pesata e rilasciando un cartellino col peso dichiarato. Mediamente il rendimento per un'oncia di seme bachi è di circa 65-80 chilogrammi di bozzoli.

Arrivano i soldi!

soldiDopo questa operazione i bozzoli vengono versati nei contenitori dell'acquirente mentre il fattore, con i due cartellini, si reca alla cassa del compratore a riscuotere l'importo. Riscosso l'importo si rivolge al contadino e gli versa immediatamente la metà della somma in contanti.
Gli spiccioli, normalmente, vengono offerti come mancia, par bona man, alle donne. Quei soldi serviranno per qualche piccolo desiderio personale, ma soprattutto per coprire le spese indispensabili per la conduzione del podere.

Le colture di bachi da seta sono state gentilmente offerte dalla sezione specializzata per la bachicoltura di Padova.
E' possibile reperirle presso www.sezionebachicoltura.it